Banner sfondo 1600 IL FATTO CERCA TE

larteintaglio020418Terlizzi. Continua la rassegna “Libri in dimora” con la presentazione del volume: "L' arte dell'intaglio. Arredi lignei tra XVII e XVIII secolo in Italia meridionale. Organi, cantorie, cori, pulpiti, altari." di Isabella Di Liddo; modererà la serata Pasquale Vitagliano scrittore e giornalista, dialogherà con l'autrice Francesco De Nicolo storico dell'arte.

La presentazione del libro sarà preceduta alle ore 17,30 da una visita guidata alla chiesetta di San Giuseppe in via Ospedale (poche decine di metri di distanza da vico I duomo, sede dove avrà luogo la presentazione) nel nucleo antico di Terlizzi nella quale sarà possibile ammirare molte opere lignee (altari e statue) alcune delle quali coeve a quelle studiate dalla professoressa Di Liddo e presenti nel testo. La visita sarà effettuata alla presenza della stessa professoressa Di Liddo e sarà curata dal Centro Studi architetto Michele Gargano e da Giuseppe Chiapparino storico dell'arte e restauratore della ditta ACHG.

Il volume che qui presento è dedicato agli arredi chiesastici (organi, cantorie, cori, pulpiti, altari) fra Napoli e la Puglia nel '600 e '700, molti qui presentati per la prima volta all'occhio dello studioso o dell'amatore, grazie ad una vasta campagna specifica condotta dai fotografi d'arte Antonio e Roberto Tartaglione e Roberto Sibilano che hanno spesso fotografato anche il minimo particolare non fruibile ad occhio nudo nell'orgia decorativa del barocco. Particolari che a volte costituiscono la firma della bottega, come il caso dell'organaro Kircher a Gallipoli che fa apporre dall'intagliatore, in corrispondenza delle canne delle tre campate della cassa, la decorazione lignea a forma di "fasce annodate”. Quattro capitoli sono dedicati alle botteghe, in particolare quelle degli organari (il quarto è solo fotografico dedicato agli organi e cantorie rimasti ancora anonimi), perché come osserva Isabella Di Liddo, sono “di fattura complessa e a più voci (lo strumentista per l'organo musicale, gli intagliatori, ebanisti, scultori per la cassa lignea e per la cantoria)”.

Appuntamento a venerdì 20 aprile con inizio alle 17,30 in vico I Duomo a Terlizzi.

Aggiungi commento

 

Codice di sicurezza
Aggiorna


larteintaglio020418Terlizzi. Continua la rassegna “Libri in dimora” con la presentazione del volume: "L' arte dell'intaglio. Arredi lignei tra XVII e XVIII secolo in Italia meridionale. Organi, cantorie, cori, pulpiti, altari." di Isabella Di Liddo; modererà la serata Pasquale Vitagliano scrittore e giornalista, dialogherà con l'autrice Francesco De Nicolo storico dell'arte.

La presentazione del libro sarà preceduta alle ore 17,30 da una visita guidata alla chiesetta di San Giuseppe in via Ospedale (poche decine di metri di distanza da vico I duomo, sede dove avrà luogo la presentazione) nel nucleo antico di Terlizzi nella quale sarà possibile ammirare molte opere lignee (altari e statue) alcune delle quali coeve a quelle studiate dalla professoressa Di Liddo e presenti nel testo. La visita sarà effettuata alla presenza della stessa professoressa Di Liddo e sarà curata dal Centro Studi architetto Michele Gargano e da Giuseppe Chiapparino storico dell'arte e restauratore della ditta ACHG.

Il volume che qui presento è dedicato agli arredi chiesastici (organi, cantorie, cori, pulpiti, altari) fra Napoli e la Puglia nel '600 e '700, molti qui presentati per la prima volta all'occhio dello studioso o dell'amatore, grazie ad una vasta campagna specifica condotta dai fotografi d'arte Antonio e Roberto Tartaglione e Roberto Sibilano che hanno spesso fotografato anche il minimo particolare non fruibile ad occhio nudo nell'orgia decorativa del barocco. Particolari che a volte costituiscono la firma della bottega, come il caso dell'organaro Kircher a Gallipoli che fa apporre dall'intagliatore, in corrispondenza delle canne delle tre campate della cassa, la decorazione lignea a forma di "fasce annodate”. Quattro capitoli sono dedicati alle botteghe, in particolare quelle degli organari (il quarto è solo fotografico dedicato agli organi e cantorie rimasti ancora anonimi), perché come osserva Isabella Di Liddo, sono “di fattura complessa e a più voci (lo strumentista per l'organo musicale, gli intagliatori, ebanisti, scultori per la cassa lignea e per la cantoria)”.

Appuntamento a venerdì 20 aprile con inizio alle 17,30 in vico I Duomo a Terlizzi.

Aggiungi commento

 

Codice di sicurezza
Aggiorna

WEBtv