Banner sfondo 1600 IL FATTO CERCA TE

factor221217Terlizzi. Bilancio positivo per la rassegna di arti performative del collettivo Factor Hill: 4 produzioni, 15 appuntamenti, una media di 40 spettatori a serata, 5 maestri, 3 performance innovative a livello nazionali, 2 istallazioni sonore, 1 concerto, lavoro per 6 professionisti pugliesi

22 e 29 dicembre 2017

Le toi de moi di Giovanni Impellizzieri

Estate_celebrazione #4 di Iula Marzulli
Mat - Terlizzi, ore 21

Dopo il successo riscosso a Rigenera, Laboratorio Urbano di Palo del Colle, la rassegna di arti performative A Maglie Larghe, curata dal collettivo di artisti Factor Hill, si sposta al MAT di Terlizzi.

Un modo per chiudere in bellezza l’anno, prima delle feste con gli ultimi due appuntamenti: il 22 e il 29 dicembre, infatti, andranno in scena le repliche delle quattro produzioni del collettivo Factor Hill, realizzate nell’ambito del progetto Uperform, finanziato dall’Avviso pubblico per le organizzazioni giovanili “Laboratori Urbani Mettici le Mani” della Regione Puglia.

Si comincia il 22 dicembre con  “Le toi de moi” di e con Giovanni Impellizzieri, performance di danza. Lo sviluppo della coreografia è pensato all’interno di uno spazio dove il corpo è libero di compiere traiettorie multi direzionali dando forma ad una danza del girovagare.  Il pubblico farà esperienza dell’essere-osservatore, non in quanto espressione di una ‘posizione’ quanto invece di una ‘emergenza’ di uno stato mobile di adattamento e plasticità, generando la sua coreografia e dialogando con il performer. Giovanni Impellizzieri è coreografo e performer la cui ricerca spazia dalla poesia, alla coreografia fino alle arti visive, modificando il concetto di  corpo e spazio: uno estensione dell’altro, il corpo si fa spazio e lo spazio si fa corpo.  La danza esprime tale processo.

A seguire, per la sezione “A Maglie Larghe Create” “Estate_celebrazione #4”, di Iula Marzulli, quarto quadro nel ciclo stagionale, ispirato all’osservazione e all’ascolto dei mutamenti della natura, concepita come vita minerale, floreale e animale. Una natura in cui, seppur antropizzata, si riconosce un rapporto con il tempo viscerale. Il fulcro del lavoro è il riconoscimento di una perdita e allo stesso tempo la ricerca dell’umanità, il sentire che siamo abituati alla nostra stessa disumanità e abbiamo perduto la tenerezza e la cura verso le cose.

Le quattro produzioni che saranno riproposte negli ultimi due appuntamenti, hanno riscosso molto successo a riprova che il pubblico si avvicina sempre di più alle arti performative: “Abbiamo avuto una media di 40 presenze a serata – ha dichiarato Alessandra Gaeta, danzatrice e coreografa fondatrice del collettivo Factor Hill, insieme a Mauro Losapio, Roberto Matarrese, Tania Tullo, Enrica Del Rosso e Michele Granito – inoltre, dopo ogni spettacolo nasceva spontaneamente con gli spettatori un momento di confronto, in cui venivano approfonditi e spiegati i temi trattati nella performance. Si vede che nel pubblico cresce la curiosità verso questa arte”.

Bilancio positivo per la rassegna di arti performative del collettivo Factor Hill che conta: 4 produzioni, 15 appuntamenti, una media di 40 spettatori a serata, 5 maestri, 3 performance innovative a livello nazionali, 2 istallazioni sonore, 1 concerto, lavoro per 6 professionisti pugliesi.
La rassegna ha permesso, infatti, di entrare in contatto con artisti di altissimo livello e proporre performance del tutto innovative: “Kokoro di Luna Cenere o Sarai di Francesca e Roberto Penzo sono spettacoli che è possibile vedere a Londra o Berlino, come anche l’installazione sonora del duo Marialuisa Capurso e Pier Alfeo, eppure noi siamo riusciti a portarli in provincia, perché crediamo che sia importante partire dal piccolo e creare una rete di artisti pugliesi e laboratori urbani, da cui prende anche spunto il nome della nostra rassegna, appunto a Maglie Larghe”.

ULTIMO APPUNTAMENTO

Il 29 dicembre “A maglie larghe” sarà ancora al Mat di Terlizzi con Uno più Uno - fanno Uno di Miki Gorizia e 38 HZ di Marialuisa Capurso e Pier Alfeo.

Il collettivo Factori Hill, vincitore del bando Create della Regione Puglia e autore del progetto Uperform, continua a promuovere la danza e le arti performative in Puglia con la seconda edizione della rassegna “A Maglie Larghe”: dal 24 novembre al 16 dicembre a Rigenera, laboratorio urbano di Palo del Colle, con un epilogo il 22 e 29 dicembre al Mat di Terlizzi. Undici appuntamenti con performer nazionali, di cui 4 produzioni del collettivo Factor Hill, realizzate in residenza nell’ambito del progetto regionale Uperform.

Aggiungi commento

 

Codice di sicurezza
Aggiorna


factor221217Terlizzi. Bilancio positivo per la rassegna di arti performative del collettivo Factor Hill: 4 produzioni, 15 appuntamenti, una media di 40 spettatori a serata, 5 maestri, 3 performance innovative a livello nazionali, 2 istallazioni sonore, 1 concerto, lavoro per 6 professionisti pugliesi

22 e 29 dicembre 2017

Le toi de moi di Giovanni Impellizzieri

Estate_celebrazione #4 di Iula Marzulli
Mat - Terlizzi, ore 21

Dopo il successo riscosso a Rigenera, Laboratorio Urbano di Palo del Colle, la rassegna di arti performative A Maglie Larghe, curata dal collettivo di artisti Factor Hill, si sposta al MAT di Terlizzi.

Un modo per chiudere in bellezza l’anno, prima delle feste con gli ultimi due appuntamenti: il 22 e il 29 dicembre, infatti, andranno in scena le repliche delle quattro produzioni del collettivo Factor Hill, realizzate nell’ambito del progetto Uperform, finanziato dall’Avviso pubblico per le organizzazioni giovanili “Laboratori Urbani Mettici le Mani” della Regione Puglia.

Si comincia il 22 dicembre con  “Le toi de moi” di e con Giovanni Impellizzieri, performance di danza. Lo sviluppo della coreografia è pensato all’interno di uno spazio dove il corpo è libero di compiere traiettorie multi direzionali dando forma ad una danza del girovagare.  Il pubblico farà esperienza dell’essere-osservatore, non in quanto espressione di una ‘posizione’ quanto invece di una ‘emergenza’ di uno stato mobile di adattamento e plasticità, generando la sua coreografia e dialogando con il performer. Giovanni Impellizzieri è coreografo e performer la cui ricerca spazia dalla poesia, alla coreografia fino alle arti visive, modificando il concetto di  corpo e spazio: uno estensione dell’altro, il corpo si fa spazio e lo spazio si fa corpo.  La danza esprime tale processo.

A seguire, per la sezione “A Maglie Larghe Create” “Estate_celebrazione #4”, di Iula Marzulli, quarto quadro nel ciclo stagionale, ispirato all’osservazione e all’ascolto dei mutamenti della natura, concepita come vita minerale, floreale e animale. Una natura in cui, seppur antropizzata, si riconosce un rapporto con il tempo viscerale. Il fulcro del lavoro è il riconoscimento di una perdita e allo stesso tempo la ricerca dell’umanità, il sentire che siamo abituati alla nostra stessa disumanità e abbiamo perduto la tenerezza e la cura verso le cose.

Le quattro produzioni che saranno riproposte negli ultimi due appuntamenti, hanno riscosso molto successo a riprova che il pubblico si avvicina sempre di più alle arti performative: “Abbiamo avuto una media di 40 presenze a serata – ha dichiarato Alessandra Gaeta, danzatrice e coreografa fondatrice del collettivo Factor Hill, insieme a Mauro Losapio, Roberto Matarrese, Tania Tullo, Enrica Del Rosso e Michele Granito – inoltre, dopo ogni spettacolo nasceva spontaneamente con gli spettatori un momento di confronto, in cui venivano approfonditi e spiegati i temi trattati nella performance. Si vede che nel pubblico cresce la curiosità verso questa arte”.

Bilancio positivo per la rassegna di arti performative del collettivo Factor Hill che conta: 4 produzioni, 15 appuntamenti, una media di 40 spettatori a serata, 5 maestri, 3 performance innovative a livello nazionali, 2 istallazioni sonore, 1 concerto, lavoro per 6 professionisti pugliesi.
La rassegna ha permesso, infatti, di entrare in contatto con artisti di altissimo livello e proporre performance del tutto innovative: “Kokoro di Luna Cenere o Sarai di Francesca e Roberto Penzo sono spettacoli che è possibile vedere a Londra o Berlino, come anche l’installazione sonora del duo Marialuisa Capurso e Pier Alfeo, eppure noi siamo riusciti a portarli in provincia, perché crediamo che sia importante partire dal piccolo e creare una rete di artisti pugliesi e laboratori urbani, da cui prende anche spunto il nome della nostra rassegna, appunto a Maglie Larghe”.

ULTIMO APPUNTAMENTO

Il 29 dicembre “A maglie larghe” sarà ancora al Mat di Terlizzi con Uno più Uno - fanno Uno di Miki Gorizia e 38 HZ di Marialuisa Capurso e Pier Alfeo.

Il collettivo Factori Hill, vincitore del bando Create della Regione Puglia e autore del progetto Uperform, continua a promuovere la danza e le arti performative in Puglia con la seconda edizione della rassegna “A Maglie Larghe”: dal 24 novembre al 16 dicembre a Rigenera, laboratorio urbano di Palo del Colle, con un epilogo il 22 e 29 dicembre al Mat di Terlizzi. Undici appuntamenti con performer nazionali, di cui 4 produzioni del collettivo Factor Hill, realizzate in residenza nell’ambito del progetto regionale Uperform.

Aggiungi commento

 

Codice di sicurezza
Aggiorna

WEBtv